I 400 femminili nobilitano il TAC di Pescara

19 Luglio 2020

Frantumano i PB Francesca Veneto con 54"65 e Greta Zuccarini con 56"40. L'Allievo Luigi Case 7,05 nel lungo

 

Nonostante i vincoli burocratici legati all’emergenza Covid, e l’obbligo di gareggiare a porte chiuse, il TAC denominato “Più forti di prima” andato in scena sabato 18 luglio allo stadio Adriatico Cornacchia di Pescara, ha riscosso successo in termini di partecipazione di atleti, provenienti anche da fuori regione. L'evento è stato organizzato dalla società Passologico Pescara in collaborazione con la Fidal regionale e con il patrocinio del Comune di Pescara. Le gare di maggiore interesse tecnico si sono rivelate quelle delle corse di velocità e dei salti in estensione, per la presenza di atleti di livello nazionale. La gara dai più alti contenuti tecnici e agonistici sono stati i 400 femminili, vinti dalla barese Francesca Veneto (Firenze Marathon), al primato personale con 54”65 (migliorato di oltre 7 decimi), precedendo la brasiliana Regina Perla Dos Santos (Aterno Pescara) 56”16 e Greta Zuccarini (Aterno Pescara), anche lei al primato personale con 56”40, ritoccato di 62 centesimi. Di alto profilo anche il salto in lungo maschile, vinto da Lorenzo Mantenuto (Atletica Gran Sasso) con la misura di 7,13 metri davanti, in classifica, all’Allievo Luigi Case (Aterno Pescara) a un significativo primato personale con 7,05, la prima volta sopra i 7 metri. Terzo si è piazzato Valerio De Angelis (ASA Ascoli) 6,71.

Nel salto triplo femminile, esordio stagionale di Giada Bilanzola (Atletica Gran Sasso) con 11,52 metri. Una gara condita da 5 nulli, ancora alla ricerca di una condizione tecnica adeguata. I 100 metri femminili, con vento oltre la norma (+ 2,7 m/s), sono stati vinti da Roberta Ciarfella (Aterno Pescara) con 12”54, davanti alla sorprendente Allieva Benedetta Mambella (Aterno Pescara) 12”74, terza un’altra Allieva, Ilaria Barnabei (Atletica Gran Sasso) 12”75. Nel disco Juniores maschile (Kg 1,750), Giuseppe Paolucci (Unione Atletica Abruzzo) 42,26. Disco femminile, Pasqualina Proietti Pannunzi (Unione Atletica Abruzzo) 39,36.

A livello giovanile under 16 si è messa in luce Annelise Camplone (Aterno Pescara), vincitrice del lungo con 5,24 metri e degli 80 metri con 10”71. Nel triplo Cadette, ottimo 11,28 della romagnola Arianna Rondoni (Endas Cesena).


Lorenzo Mantenuto


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate