Forte&Malavisi, spettacolo ad Ancona

17 Febbraio 2019

Il triplista vola a 16,76, l'astista a 4,50: pass per gli Europei indoor di Glasgow. Super miglioramento per la Coiro negli 800. Studentesca Milardi nono scudetto maschile consecutivo


 

di Lorenzo Bufalino

Bellissima l’edizione numero 50 degli Assoluti indoor per i colori laziali: 8 titoli vinti nelle tre giornate e tante altre medaglie hanno dato lustro alla nostra atletica nel weekend di Ancona. Grandi gare per Simone Forte nel triplo, che supera il veterano Fabrizio Donato portandosi a casa anche il minimo per gli Europei di Glasgow. Sonia Malavisi vince con il PB indoor nell’asta superando Roberta Bruni. Raphaela Lukudo vince i 400 davanti alla favorita Ayo Folorunso. Nel mezzofondo Margherita Magnani dimostra di essere la migliore nei 3000. Sebastiano Bianchetti è secondo nel peso di super Leonardo Fabbri. L’Atletica Studentesca Milardi invece si porta a casa il titolo a squadre indoor maschile per il nono anno consecutivo.

TUTTI I RISULTATI DEGLI ASSOLUTI DI ANCONA

SUPER TRIPLO — Una gara dall’altissimo contenuto tecnico quella del salto triplo maschile. In 4 hanno superato il minimo di partecipazione per gli Europei di Glasgow, e tra loro c’è stato Simone Forte (Fiamme Gialle), vincitore della gara. Il giovane finanziere ha superato il capitano della squadra azzurra Fabrizio Donato (Fiamme Gialle) arrivato secondo per soli 4 cm. Forte parte subito bene saltando il 16,76 con cui vincerà la gara. Per Donato arriva un buon 16,72 che lo fa piazzare secondo davanti al carabiniere Tobia Bocchi. Quarto l’atleta della Studentesca Milardi Daniele Cavazzani che balza fino a 16,55, misura che porta anche lui al personale.

MALAVISI SU BRUNI — Gara bellissima anche quella del salto con l’asta femminile dove il solito duello tra Sonia Malavisi (Fiamma Gialle) e Roberta Bruni (Carabinieri) ha infuocato il palaindoor di Ancona. La Malavisi che si allena ora a Cuba nel gruppo di Yarisley Silva, vince la gara con il nuovo personale portato a 4,50.

Per la Bruni invece arriva prima il 4,40 e poi tre errori a quota 4,50.

LUKUDO FA BIS — Dopo l’oro dello scorso anno, Raphaela Lukudo (Esercito) vince anche questo titolo dimostrandosi atleta da indoor. L’atleta allenata da Marta Oliva parte in scia della favorita Ayomide Folorunso, per poi sorpassarla con un ottimo rettilineo finale. Il cronometro si ferma a 53.14. 

MAGNANI REGINA DEL MEZZOFONDO — Margherita Magnani (Fiamme Gialle) si dimostra ancora la migliore nel mezzofondo. La finanziera regola la campionessa europea juniores di cross Nadia Battocletti (Esercito), sfoggiando un’ottima forma in vista di Glasgow. Per lei arriva il tempo di 9:01.32 corso con un ritmo perfetto dal primo chilometro fino alla fine.

COIRO SECONDA — Nella sfida tra giovanissime, Eloisa Coiro (Fiamme Azzurre) arriva seconda negli 800 metri. La romana allenata da Emilio De Bonis arriva al grande tempo di 2:05.74, tempo che rappresenta il suo personale al coperto di quasi tre secondi. Per la Coiro grande giro finale che le ha permesso di rimontare dal quarto posto fino quasi alla vittoria.

BIANCHETTI DIETRO FABBRI - Secondo posto per Sebastiano Bianchetti (Fiamme Oro) nel peso di super Leonardo Fabbri (20,69): il reatino lancia a 18,15.

GRANDE CAMPIDOGLIO — Una bella staffetta 4x400 in chiusura di campionato, ha portato l’argento alla formazione dell’ACSI Campidoglio Palatino formata da Grassi, Manfredi, Rossi e Iachini. I romani sono stati secondi solo dietro al formidabile quartetto delle Fiamme Gialle che vedeva correre Re, Sibilio, Aceti e Tricca. Quasi al podio anche il quartetto della Studentesca Milardi che sfiora il podio anche nella gara femminile con la giovane formazione composta da Simonelli, Pansini, Tirnetta e Gherardi.

CARLINI AL SUPER PB — Non è andata a medaglia ma una menzione speciale va anche a Priscilla Carlini (ACSI Italia Atletica) capace di arrivare quinta nel triplo con una misura vicina ai 13 metri. Per lei 12,94 che migliora il vecchio PB di 12,69.


La Studentesca Milardi campione d'Italia (foto Colombo/FIDAL)


Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate